Passa ai contenuti principali

Detti Sorrentini (Prima Parte)

I detti popolari nati da inamicizie, invidie o magari da amori non ricambiati sono davvero tanti. Questi modi di dire nascono spesso dalle malelingue o da una sventura capitata a qualcuno che poi ha voluto vendicarsi.

E' simpatico ricordarli facendo parte ormai della nostra tradizione orale.

Uno dei detti più conosciuti e usato tutt'oggi è:

1.Massa saluta e passa, e si te firme, 'o ttuio 'nce lasse.

(Massa saluta e passe, se ti fermi ci lasci qualcosa)

Questo detto ha diverse interpretazioni, vuol dire evitare investimenti a Massa?

o come suggerisce il nostro Francesco Saverio Mollo, se ti fermi ci lasci il tuo cuore? 

o ancora non avere niete a che fare con i Massesi?

Da Massese suggerisco la seconda ipotesi :-)

2. Sant'Ata, 'o figlio nun conosce 'o pate.

(a Sant'Agata il figlio non conosce il padre)

Il detto ci invita a non avere a che fare con persone di Sant'Agata perchè sono capaci anche di rinnegare i propri genitori.

3.Vacche e' Massa nun accattà, femmene e' Meta nun piglià, e si proprio ll' jà piglià, cchiù dell'Angelo nun passà.

(mucche di Massa non comprare, donne di Meta non sposare, e se proprio devi farlo, non devi scendere più giù dell'Angelo)

Le mucche di Massa chissà per quale motivo non bisognava acquistarle, invece sappiamo che erano richiestissime soprattutto nella Capitale del Regno. (vedi post su 'Via Porta di Massa')

Le donne in generale, non godevano di una buona reputazione, quelle di Meta si diceva erano predisposte al tradimento perchè i loro mariti erano marittimi, quindi mancavano da casa per lunghi periodi, L'Angelo del detto fa riferimento alla Chiesa degli Angeli Custodi, quindi si invita a maritare una donna che non abita nei pressi della marina.

Questo detto ha una variante.

4.Vacche e' Massa nun accattà, femmene e' Meta nun piglià, a Seiano nun te votà, a Vico 'e truove bbone e sapurite.

(mucche di Massa non comprare, donne di Meta non sposare, a Seiano non voltarti, a Vico le trovi belle e buone)

Il detto ci invita inoltre a non voltarsi proprio a Seiano, ma a Vico ci garantisce ci sono le donne migliori.

sarà stato un detto di una Vicana :-)

5. Surriento: 'na conca d'or chine e serpienti

(Sorrento: una conca d'oro piena di serpenti)

Sorrento bellissima cittadina ma il detto paragona gli abitanti ai serpenti, quindi attenzione.

6. Caruotto e' comm' a' nu tin, chello che faje a' sera se sape a'  matina.

(Carotto, antico nome di Piano di Sorrento, è come un tino: quello che si fa la sera si sa di mattina)

Bè questo detto direi che è comune a tutti i paesi della Penisola e non solo.

7. A gent' e' SAnt'Aniello cammin' ncoppa a sciora e nun lascia pedate.

( gli abitanti di sant'Agnello camminano sulla farina e non lasciano pedate)

Il detto ci dice di fare attenzione ai Santanellesi perchè imbrogliano senza lasciare traccia.

Una versione più gentile del detto si riferisce ad una disputa tra  le Carottesi e le Santanellesi.

Le donne di Sant'agnello camminano senza lasciare traccia perchè sono leggere.


Per oggi è tutto ma i detti non finiscono qui...a domani 

L.G.

fonte: Terra delle Sirene n.3 Tommaso di Prisco


Commenti

Post popolari in questo blog

Quella che vi racconto oggi, è una pagina triste della nostra storia, che risale all'ultima guerra mondiale. L a guerra non risparmiò neanche il nostro piccolo e tranquillo territorio. Quest'episodio avvenne nelle acque cristalline di Positano, dove l ungo la costa, vicino la torre di Fornillo, si ergevano due faraglioni. Queste rocce  per le loro dimensioni, furono chiamate  'Mamma'  quello più grande e  'Figlio'  quello piccolo .  Sul Faraglione Mamma nel 1941, i Positanesi  avevano murato  un pannello in ceramica vietrese con l’immagine della Madonna di Positano, a protezione della città e di coloro che andavano per mare. Ma il  2 febbraio 1943 avvenne qualcosa che cambiò il paesaggio della città verticale. Il sommergibile inglese  Safari , nascosto da tempo tra gli isolotti de 'Li Galli', tese un agguato a due navi   mercantili italiane, il   Salemi   ed il   Val Savoia , in viaggio da Napoli verso la Sicilia.  Le due navi affondandorono al largo di

Sant'Agnello: culto e credenze

Con l'arrivo di Dicembre non posso non pensare a tutte le preparazioni  e ai riti che ci portano poi alle festività natalizie. Da bambina aspettavo con ansia la festa di Sant'Agnello, per noi era tradizione comprare l'albero di Natale alla grande fiera che di solito c'è in occasione dei festeggiamenti del Santo. Quest'anno sarà tutto diverso, ma sarà l'occasione per ricordare quanto sia prezioso ciò che abbiamo e quanta felicità c'è nelle piccole cose. Sant'Agnello è il Santo protettore della città di Sant'Agnello, ma è anche uno dei compatroni della città di Napoli, dove nacque e da dove si diffuse il culto. E' considerato un Santo dal carattere un po' difficile, è 'puntiglioso' e vendicativo con chi non rispetta il suo culto. S. Aniello morì il 14 dicembre del 596 d.C. ed è ricordato per essere il protettore delle partorienti, essendo nato miracolosamente da una donna anziana. La madre di Agnello, Giovanna non riuscendo a concepire

La Grotta dei Sospiri a Piano di Sorrento

Per la storia di oggi, ci spostiamo nella Costa Sorrentina, esattamente tra la Marina di Cassano e il Golfo del Pecuriello. In questo tratto, sotto la proprietà "Il Pizzo" c'è una serie di grotte ed una di queste grotte è legata ad una tristissima storia d'amore. I protagonisti di questa storia, sono una bellissima ragazza di nome Lida e il suo fidanzato e promesso sposo Antonino. Antonino era un marinaio e un giorno dovette partire per un lungo viaggio, dopo il quale avrebbe sposato la sua amata. La fanciulla, ogni giorno si recava al Pizzo per scrutare l'orizzonte nell'attesa di Antonino. Passarono i mesi, ma la nave con Antonino non fece mai ritorno, furono dati tutti per dispersi. Lida continuò ad andare tutti i giorni a guardare il mare, finché dopo ormai tre anni di attesa, il giorno della festa della Madonna, si vestì da sposa, si recò in chiesa a pregare e poi si diresse per l'ultima volta verso la rupe. Proprio in quel momento ritornava a nuoto a