Passa ai contenuti principali

Detti Sorrentini (II Parte)

 Continuiamo il nostro ricordo sui detti popolari sorrentini.

8. "A ggente e' copp'è Cuonte teneno doje facce, pecchè vedono duje mari"

Gli abitanti dei Colli hanno due facce, perchè guardano due mari.

Il detto ci dice di prestare attenzione agli abitanti dei Colli perchè sono falsi.

Dell'antico nome dei Colli ne abbiamo già parlato, ricordate?

I Cuonti, Conti "erano i luoghi dove venivano installate le parate, cioè gli impianti con reti a scorrimento verticale (schiappari) per la cattura delle quaglie al passo. Pare che il termine derivi dal greco kontòs (pertica) riferendosi ai pali ai quali venivano fissate le suddette reti".

9. Carotto, caruto, ogni fosso è nu purtuso.

(Piano di Sorrento, caduto, ogni fosso è un buco)

Anche questo detto sembra vada bene per tanti altri paesi visto le condizioni delle nostre strade.

Ma veniamo al nome di Carotto. Secondo una leggenda, in seguito ad un terremoto nascerebbe il nome  come “Cca è ruott", ovvero “qua è rotto”, in antitesi al nome della località Cassano che significherebbe “Ccà è san”, ossia “qua è sano” .

Altri riconducono il nome "Carotto" al greco Karochtos,  grande ripa. è probabile invece che il nome Carotto sia una corruzione linguistica del termine “Cavotto”, in considerazione delle numerose cavità tufacee del territorio. Apiano esiste anche Via Cavottole, Via Cavone e Via Cavoniello. Per  Cassano rientriamo nei nomi col suffisso aggettivale in “anus” che qualifica l’appartenenza del luogo ad un nome romano che, in tal caso non potrebbe essere un “Cassius”. C'è chi fa derivare Caruotto, dal greco charouon, che significa noce.


10. Vico, puorte 'o ppane cu tico.

Vico, porta il pane con te. Qui si fa riferimento all'avarizia dei Vicani.

11. Meta p'astipà, Caruotto pè penzà, e Surriento p'agghindà.

Meta per conservare, Piano per pensare  e Sorrento per agghindarsi.

il detto ci dice che Meta è una città di risparmiatori, a Piano di pensa a come fare soldi e a Sorrento i soldi si spendono per l'apparenza.

12. 'E Surrentini mettetero 'o lenzulo a Capo 'e Monte pè nun fa passà 'o sole a Massa

( I Sorrentini misero un lenziolo a Capodimonte per non far arrivare il sole a Massa)

questo detto rimarca l'inamicizia tra i due paesi confinanti.

13. Torca, Tiermene e Nerano, 'o Pataterno se ne lavaje 'e mane

Torca, Termini e Nerano, il Padre Eterno se ne lavò le mani.

Per dire neanche Dio riesce ad avere a che fare con gli abitanti di queste località.


L.G.

In foto "L'ingresso della città di Sorrento"1830 S.Prout

Iscriviti al gruppo FB La Costiera Sorrentina, La Costiera Amalfitana e Capri nell'ARTE




Commenti

Post popolari in questo blog

Quella che vi racconto oggi, è una pagina triste della nostra storia, che risale all'ultima guerra mondiale. L a guerra non risparmiò neanche il nostro piccolo e tranquillo territorio. Quest'episodio avvenne nelle acque cristalline di Positano, dove l ungo la costa, vicino la torre di Fornillo, si ergevano due faraglioni. Queste rocce  per le loro dimensioni, furono chiamate  'Mamma'  quello più grande e  'Figlio'  quello piccolo .  Sul Faraglione Mamma nel 1941, i Positanesi  avevano murato  un pannello in ceramica vietrese con l’immagine della Madonna di Positano, a protezione della città e di coloro che andavano per mare. Ma il  2 febbraio 1943 avvenne qualcosa che cambiò il paesaggio della città verticale. Il sommergibile inglese  Safari , nascosto da tempo tra gli isolotti de 'Li Galli', tese un agguato a due navi   mercantili italiane, il   Salemi   ed il   Val Savoia , in viaggio da Napoli verso la Sicilia.  Le due navi affondandorono al largo di

Sant'Agnello: culto e credenze

Con l'arrivo di Dicembre non posso non pensare a tutte le preparazioni  e ai riti che ci portano poi alle festività natalizie. Da bambina aspettavo con ansia la festa di Sant'Agnello, per noi era tradizione comprare l'albero di Natale alla grande fiera che di solito c'è in occasione dei festeggiamenti del Santo. Quest'anno sarà tutto diverso, ma sarà l'occasione per ricordare quanto sia prezioso ciò che abbiamo e quanta felicità c'è nelle piccole cose. Sant'Agnello è il Santo protettore della città di Sant'Agnello, ma è anche uno dei compatroni della città di Napoli, dove nacque e da dove si diffuse il culto. E' considerato un Santo dal carattere un po' difficile, è 'puntiglioso' e vendicativo con chi non rispetta il suo culto. S. Aniello morì il 14 dicembre del 596 d.C. ed è ricordato per essere il protettore delle partorienti, essendo nato miracolosamente da una donna anziana. La madre di Agnello, Giovanna non riuscendo a concepire

La Grotta dei Sospiri a Piano di Sorrento

Per la storia di oggi, ci spostiamo nella Costa Sorrentina, esattamente tra la Marina di Cassano e il Golfo del Pecuriello. In questo tratto, sotto la proprietà "Il Pizzo" c'è una serie di grotte ed una di queste grotte è legata ad una tristissima storia d'amore. I protagonisti di questa storia, sono una bellissima ragazza di nome Lida e il suo fidanzato e promesso sposo Antonino. Antonino era un marinaio e un giorno dovette partire per un lungo viaggio, dopo il quale avrebbe sposato la sua amata. La fanciulla, ogni giorno si recava al Pizzo per scrutare l'orizzonte nell'attesa di Antonino. Passarono i mesi, ma la nave con Antonino non fece mai ritorno, furono dati tutti per dispersi. Lida continuò ad andare tutti i giorni a guardare il mare, finché dopo ormai tre anni di attesa, il giorno della festa della Madonna, si vestì da sposa, si recò in chiesa a pregare e poi si diresse per l'ultima volta verso la rupe. Proprio in quel momento ritornava a nuoto a