Passa ai contenuti principali

I MOSTACCIOLI

mostaccioli o mustacciuoli in napoletano, sono un dolce speziato antichissimo, con la tipica forma di rombo ricoperti di glassa al cioccolato. 

Il nome deriva dal latino  “mustaceum”, mosto. Per gli antichi Romani, i mustacei erano delle focacce dolci tra i cui ingredienti era il mosto d’uva, ingrediente ancora oggi utilizzato in alcune varianti di questo dolce. Anche Catone ci parla di piccole focacce dolci a base di farina, mosto e anice, offerte ai convitati prima che lasciassero la casa, come segno di attenzione all'ospite che si congedava. Col passare dei secoli la ricetta ha assunto varianti e nuovi ingredienti.

 I mostaccioli sono diffusi un po' in tutta Italia, quelli napoletani non prevedono quasi mai il mosto.

Tradizione vuole che i mostaccioli si preparino a partire dall’Immacolata per essere offerti durante tutto il periodo delle festività natalizie.


Come per gli struffoli, di cui abbiamo già parlato, gli ingredienti e le proporzioni variano da famiglia in famiglia. Ci sono quelli morbidi, quelli più duri, quelli ripieni etc.

La ricetta che vi riporto io, è la ricetta di famiglia. Nella mia famiglia si narra che questa ricetta sia venuta fuori dalle suore che erano nel Conservatorio dell'Annunziata a Massa Lubrense.

Anche questa ricetta è 'ad occhio' io provo a convertirla.

Ingredienti:

500 gr farina bianca

500 gr farina integrale

60 gr cacao amaro

700 gr di zucchero

300 gr nocciole tostate e tritate

100 gr mandorle tostate e  tritate

1 cucchiaio di miele agli agrumi

una bustina di pisto

una punta di ammoniaca per dolci

acqua tiepida quanto basta ad impastare

cioccolato extra fondente per la copertura

Procedimento

Mescolate in una ciotola capiente prima gli ingredienti secchi. Aggiungete mano a mano l’acqua tiepida e il miele  Lavorate energicamente fino a ottenere un impasto bene amalgamato. Lasciate riposare una notte. Stendete il composto e tagliate la pasta in rombi della dimensione che preferite. (In commercio si trovano anche degli stampini appositi)  Disponete i rombi in una teglia rivestita di carta forno. Mettete a cuocere in forno preriscaldato a 160° per circa 20 minuti. Fate raffreddare. In un pentolino fate sciogliere il cioccolato fondente e immergeteci i mostaccioli in modo da ricoprirli completamente di cioccolato. Lasciate raffreddare per bene. 

Mio padre usa fare un naspro al ciccolato come quello per gli struffoli, invece del solo cioccolato fuso.

variante:

una volta tagliati i rombi ponete al centro del rombo un cucchiaino di marmellata  di albicocca o di agrumi ricoprite con un altro rombo e chiudete bene.


Commenti

Post popolari in questo blog

Quella che vi racconto oggi, è una pagina triste della nostra storia, che risale all'ultima guerra mondiale. L a guerra non risparmiò neanche il nostro piccolo e tranquillo territorio. Quest'episodio avvenne nelle acque cristalline di Positano, dove l ungo la costa, vicino la torre di Fornillo, si ergevano due faraglioni. Queste rocce  per le loro dimensioni, furono chiamate  'Mamma'  quello più grande e  'Figlio'  quello piccolo .  Sul Faraglione Mamma nel 1941, i Positanesi  avevano murato  un pannello in ceramica vietrese con l’immagine della Madonna di Positano, a protezione della città e di coloro che andavano per mare. Ma il  2 febbraio 1943 avvenne qualcosa che cambiò il paesaggio della città verticale. Il sommergibile inglese  Safari , nascosto da tempo tra gli isolotti de 'Li Galli', tese un agguato a due navi   mercantili italiane, il   Salemi   ed il   Val Savoia , in viaggio da Napoli verso la Sicilia.  Le due navi affondandorono al largo di

Sant'Agnello: culto e credenze

Con l'arrivo di Dicembre non posso non pensare a tutte le preparazioni  e ai riti che ci portano poi alle festività natalizie. Da bambina aspettavo con ansia la festa di Sant'Agnello, per noi era tradizione comprare l'albero di Natale alla grande fiera che di solito c'è in occasione dei festeggiamenti del Santo. Quest'anno sarà tutto diverso, ma sarà l'occasione per ricordare quanto sia prezioso ciò che abbiamo e quanta felicità c'è nelle piccole cose. Sant'Agnello è il Santo protettore della città di Sant'Agnello, ma è anche uno dei compatroni della città di Napoli, dove nacque e da dove si diffuse il culto. E' considerato un Santo dal carattere un po' difficile, è 'puntiglioso' e vendicativo con chi non rispetta il suo culto. S. Aniello morì il 14 dicembre del 596 d.C. ed è ricordato per essere il protettore delle partorienti, essendo nato miracolosamente da una donna anziana. La madre di Agnello, Giovanna non riuscendo a concepire

La Grotta dei Sospiri a Piano di Sorrento

Per la storia di oggi, ci spostiamo nella Costa Sorrentina, esattamente tra la Marina di Cassano e il Golfo del Pecuriello. In questo tratto, sotto la proprietà "Il Pizzo" c'è una serie di grotte ed una di queste grotte è legata ad una tristissima storia d'amore. I protagonisti di questa storia, sono una bellissima ragazza di nome Lida e il suo fidanzato e promesso sposo Antonino. Antonino era un marinaio e un giorno dovette partire per un lungo viaggio, dopo il quale avrebbe sposato la sua amata. La fanciulla, ogni giorno si recava al Pizzo per scrutare l'orizzonte nell'attesa di Antonino. Passarono i mesi, ma la nave con Antonino non fece mai ritorno, furono dati tutti per dispersi. Lida continuò ad andare tutti i giorni a guardare il mare, finché dopo ormai tre anni di attesa, il giorno della festa della Madonna, si vestì da sposa, si recò in chiesa a pregare e poi si diresse per l'ultima volta verso la rupe. Proprio in quel momento ritornava a nuoto a